CulturaFantasy

Amore o Potere? La risposta dei Windsor e del Trono di Spade

Edoardo VIII ed i Targaryen, principi che hanno rinunciato al potere per amore.

La seconda puntata dell’ottava stagione del Trono di Spade ci ha deliziati con una splendida canzone.
“Jenny of Oldstones” viene intonata da Poddrick, mentre alcuni dei personaggi principali della serie siedono intorno ad un fuoco.
La canzone ricorda la figura di Jenny, la donna per la quale, molto tempo prima, il principe Duncan Targaryen rinunciò alla sua pretesa al trono di spade.

Può, quindi, l’amore essere un sentimento capace di prevalere sulla brama di potere?

Jenny of Oldstones e Duncan Targaryen

Duncan Targaryen era il primogenito di Re Aegon V e quindi legittimo erede al trono di spade.
Giovane e valoroso, era promesso sposo alla figlia di Lyonel Baratheon, in modo tale che le due casate potessero sancire la loro alleanza attraverso questo matrimonio.
Duncan, però, si innamorò di Jenny, una popolana, decidendo di violare la promessa di matrimonio fatta con i Baratheon.

Duncan sceglie anche di rinunciare al Trono di Spade, dimostrando che l’amore sa essere più potente del potere stesso.

Rhaegar Targaryen e Lyanna Stark

La stessa dimostrazione la fornisce un discendente della sua casata qualche tempo dopo.
Rhaegar Targaryen, anche se in segreto, decise di sposare l’amata Lyanna Stark, dopo aver disposto l’annullamento del suo precedente matrimonio forzato con Elia Martell.

Com’è noto ai fan della serie, dalla loro unione nacque Jon Snow, protagonista del “Trono di Spade”.

Edoardo VIII e Wallis Simpson

Spostandoci nel mondo reale, l’episodio più calzante per dimostrare nuovamente la teoria è quello riguardante Edoardo VIII d’Inghilterra.

Edoardo Windsor era il primo figlio di re Giorgio V d’Inghilterra, il che lo rendeva erede diretto al trono d’Inghilterra.
Il suo destino era segnato, fino a quando non conobbe Wallis Simpson.
Americana e divorziata da ben due diversi mariti, Wallis riuscì a conquistare il cuore del principe, durante una sua visita in Inghilterra.

Edoardo VIII, così, non fu mai incoronato re, cedendo di fatto la corona a suo fratello minore, futuro Giorgio VI e padre dell’attuale regina Elisabetta II.

L’amore prevalse sulla corona ancora una volta.

Le conseguenze

Questa scelta, almeno nei libri di George Martin, non sembra essere priva di conseguenze.

La scelta di Duncan Targaryen suscitò l’ira dei Baratheon, che scatenarono una breve rivolta. Il destino dei due amanti, inoltre, incontrò le fiamme durante un incendio nel loro castello, decretando la loro morte.
Si narra che durante quell’incendio, l’allora giovanissimo Rhaegar Targaryen stesse componendo proprio la canzone intonata da Poddrick nella seconda puntata della stagione finale della serie.

Lo stesso Rhaegar, con la sua scelta, scatenò la ribellione di Robert Baratheon, promesso sposo di Lyanna Stark.
Robert Baratheon lo uccise nella battaglia del tridente, prese il trono di spade e giurò di uccidere ogni Targaryen rimasto in vita.
In questo modo, Lyanna Stark, fu costretta in punto di morte a cedere suo figlio al fratello Eddard, che nascose la sua vera identità dichiarandolo, invece, suo figlio bastardo.

L’amore, quindi, può vincere sul potere.
Attenzione, però, alle conseguenze che la passione può generare, spesso inaspettate e fatali.

Forse è questo il messaggio che gli sceneggiatori della serie volevano trasmettere, richiamando “Jenny of Oldstones” nell’ultima puntata.
Jon Snow e Daenerys Targaryen dovrebbero, quindi, fare attenzione alle conseguenze del loro amore.